Ecco perché le persone più intelligenti hanno meno amici.

Esistono alcune persone particolarmente brave nel crearsi delle ampie e eterogenee cerchie di amici mentre altre sono più chiuse e mostrano più difficoltà a poter instaurare un rapporto d’amicizia duraturo con altre persone. Tuttavia se non avete tanti amici, non vuol dire che non siete particolarmente socievoli oppure che c’è qualcosa in voi che non va bene. Significa semplicemente che siete più intelligenti e sagaci di altri.

 

Si tratta di un’informazione davvero rivoluzionaria che è frutto dello studio di alcuni psicologi: Questi, infatti, hanno sottoposto dei test su un vasto campione e sono arrivati alla conclusione che in realtà proprio le persone più intelligenti non avendo un grande bisogno di interagire con gli altri per poter star bene e sentirsi appagati. Le persone, invece, che avevano quoziente intellettivo inferiore sentivano l’esigenza di relazionarsi maggiormente e più spesso con gli altri. La ricerca in questione ha analizzato un campione di oltre 15.000 persone con età compresa fra i 18 ed i 28 anni, quindi persone molto giovani, analizzando le loro abitudini, i loro quozienti intellettivi e una serie di altre numerose variali. Dall’incrocio dei dati sono emersi questi risultati incontrovertibili: La solitudine e l’indipendenza sono sinonimo di intelligenza e di voglia di saper stare con se stessi senza per questo sentire che manca qualcosa nella propria vita. Le persone intelligenti razionalizzano ogni evento, hanno la tendenza a schematizzare e creare delle categorie mentali in cui posizionare le persone che si conoscono. Questo tipo di approccio alla socialità rischia di eliminare la componente irrazionale e sentimentale della vita di coppia. Non si può trovare la spiegazione a tutto, e passare oltre a ciò che è inspiegabile risulta molto difficile per coloro che sono portati ad un’analisi continua.

 

fonte https://www.vabbe.it/

Precedente LE COMBINAZIONI NATURALI CHE CURANO Successivo Blue Whale, arrestato l’inventore del gioco che spingeva adolescenti al suicidio: “Non mi pento, erano rifiuti biologici